TECNOLOGIA E SCIENZA NELL'ETA' MEDIEVALE

 

QUADRO STORICO LA CONQUISTA ARABA LA RINASCITA CULTURALE  TECNICA E ARTIGIANATO
ALTO MEDIOEVO
BASSO MEDIOEVO

ISLAM MEDIEVALE

SISTEMA CULTURALE

 

UNIVERSITA' CONQUISTE TECNICHE 

La Chiesa nell'Alto Medioevo

cronologia

V secolo

VI secolo

VII secolo

VIII secolo

L'abito non fa il monaco

Con il crollo dell'Impero romano e con le invasioni germaniche, la Chiesa cattolica rimase il solo punto di riferimento unitario nel mondo occidentale per tutto il V e VI secolo: 

furono i vescovi  le uniche
autorità rimaste  nella città, venuti meno i funzionari imperiali  

offrì protezione nelle campagne
grazie al sorgere dei monasteri e conventi

convertì i germani al cattolicesimo,
favorendo l'integrazione con i latini

nobilitò il lavoro manuale che in epoca romana
era affidato agli schiavi

rappresentò una solida certezza in un mondo in disfacimento

diventò una grande potenza politica, perché il papa rimase l'unico rappresentante dell'Occidente romano, questo pose anche problemi politici perchè quando i sovrani dei regni germanici vollero dare più stabilità ai loro regni dovettero sovente scontrarsi con l'autorità dei vescovi che di fatto erano l'unica autorità riconosciuta su vasti territori europei

diventò una grande potenza economica, perché i grandi proprietari, una volta abbracciata la religione cristiana, donavano alla chiesa le loro terre. Il papa alla fine del secolo VIII  governava su gran parte dell'Italia centrale che  formava il Patrimonio di S. Pietro, che Gregorio Magno (590-604) fece censire, nucleo del potere temporale dei papi e dello Stato pontificio 

diventò una grande potenza culturale, perché la classe dirigente colta romana, convertendosi al cristianesimo trasferì all'interno della Chiesa la propria tradizione culturale. I sacerdoti erano rimasti gli unici a studiare. I monaci, oltre alle sacre scritture, conservavano leggi e regolamenti e trascrivevano testi classici.

Il potere religioso si trovò sovente in contrasto con quello politico. Paolo di Tarso nel I sec. d.c. aveva affermato che si deve obbedienza all'autorità politica perchè essa discende da Dio. 

Agostino aveva interpretato ciò nel senso che lo stato doveva assumersi l'impegno della diffusione del cristianesimo. Questa divenne una teoria diffusa nell' Alto medioevo: era necessario costituire un nuovo impero cristiano che si assumesse il compito dell'evangelizzazione del mondo.